mercoledì 8 ottobre 2008

N. Higher Aesthetics TEST

See how cool this looks to your ears!




Traduz:
Test di Estetica Normale Superiore -
Che ne pare di questo alle tue orecchie?



Se non sbaglio il 70° compleanno di Sun Ra.

Take also a look here




"you're in space age now....
you can't run away...
you can't hide.
Cosmic age.
You know you know
but you know you're wrong....
you got to face the music.
Year 2000 knocking on your door...
you can't run you can't hide...
year 2000 on it's way."

domenica 5 ottobre 2008

Conoscete ...

Bill Hicks?






Altri video di B.Hicks con sottotitoli in italiano:
http://uk.youtube.com/user/noworkgroup
(vedete quanti messaggi di ringraziamento per le traduzioni!)

www.billhicks.com

martedì 22 luglio 2008

NON divenire un oggetto nell'incubo di qualcun altro



Saltando di palo in frasca


(sempre legno è)


Jeanne Lee
Photo courtesy Naima Hazleton

qualche mese fa su questo blog avevo scritto qualcosa di/ e proposto il video
con/ Jeanne Lee e Mal Waldron (voce e piano, genere "free jazz"
o come si dice in Europa "musica improvvisata") ---- "I
gabbiani di Hiroshima"
----  


Vi piaceva? L'avete MAI sentita?


Come dice lo slogan della mia Streaming Radio, "PoPFreeRadio".....


"Intender non la può chi non la prova"! ih ih ih


 


Ora -- per il balletto o il banchetto delle conseguenze e delle coincidenze
-- mi capita di ritornare su Jeanne Lee -- che evidentemente fa parte dei miti
che non mi sono ancora crollati -- (abbiamo tutti bisogno di un mito per vivere
ed uno per morire, ricordate?) perché...... ascoltando e riascoltando, se non
è una cosa effimera come un motivetto dell'estate........ ho scoperto uno strato
più profondo (sai, togli le bucce alla cipolla...) della musica e dell'arte
di Jeanne Lee.


Il brano che mi ha fatto TRASALIRE, quando mi è capitato di ascoltare con attenzione
il testo...... e poi trovarlo completo e addirittura oggetto centrale di uno
studio specifico di Eric Porter, University of California, Santa Cruz: "La
voce di Jeanne Lee"
, nella rivista Critical Studies in Improvisation
/ Études critiques en improvisation, Vol 2, No 1 (2006)
...........


Beh prima di tentare di allargarmi ad altre idee collaterali (di andare per
la tangente forse)


ecco il testo completo del brano "In These Last Days" (In questi ultimi
giorni) che si trova nell'album "You Stepped Out Of A Cloud" (Sei uscito/a
fuori da una nuvola) del 1989, con la voce di Jeanne Lee ed il piano, questa
volta, di Ran Blake. L'album si trova anche sotto il titolo di "Legendary Duets".


In these Last Days


of Total Dis-in-te-gra-tion,


where every day


Is a struggle against becoming


An object in someone else’s nightmare:


There is great joy


in being Naima’s Mother


and unassailable strength


In being on the Way


 


In questi Ultimi Giorni


di Totale Di-sin-te-gra-zione,


dove tutti i giorni


è una lotta contro il divenire


un oggetto nell'incubo di qualcun altro;


c'è grande gioia


nell'essere la madre di Naima


e una forza incontenibile


nell'essere sulla Via.(jeanne lee, 1971)


 


"...ogni giorno è una lotta per non diventare (un
oggetto nel)l'incubo di qualcun altro...."


mmmhhhhh.................. questo mi risuona molto! (E a Voi? ;-)


e mi risuona pure la seconda parte della poesia.


Lo studio di Porter "La voce di Jeanne Lee" si trova completo in PDF, qui.
 Se leggi in inglese......


Cmq più sotto ne traduco una breve parte, non prima di saltare un attimo su
un altro ramo o frasca...... voglio dire, di fare una breve digressione:


Dunque, grosso modo......... Ricordando l'obiettivo che ha fatto scaturire
questo stesso blog, come da intestazione in alto......


"Un sogno tra la Sardegna e il Giappone. ...


Anche la Sardegna rischia di perdere le sue tradizioni.
Il nulla ci sta annientando. Stiamo diventando tutti popoli senza storia, senza
significato. La storia della gente come corpo unico si trasforma e si frammenta
in storie individuali che si basano su un tessuto sociale senza trama. L'uomo
o donna sembra scollegato dagli altri uomini o donne, non sappiamo più cosa
e come condividere. La separazione e il nulla stanno per dominare... Etc."

[L'articolo completo qui:
"Un sogno tra Sardegna e Giappone"]   


 


Tradizioni: cosa BUTTARE, cosa CONSERVARE e cosa CREARE!


Questo era ed è ancora, evidentemente, il tema.


Il tentativo di conservare qualcosa di valido dalla propria
o da altre tradizioni... o meglio di crearne
di nuove, ........ mediante sperimentazione! pratica! la pratica di nuove
coreografie espressive
.... improvvisazioni, cogliendo il messaggio
e l'esperienza di quelli che sono venuti prima di noi, come
Jeanne Lee!


C'è sempre qualcosa da imparare....... la prima è di depositare la propria
pigra arroganza di "sapere già"!


A me capita oggi di ascoltare Jeanne Lee che conosco ed amo già, e di trovarci
nuovi significati. (fine digressione)



Dunque, ad un certo punto delle 14 pagine di cui si compone lo studio di Porter,
viene riportato il testo del brano sopra, e a seguire:


 


* * * * * * * * * (inizio estratto)


L'esecuzione di J. Lee di “In These Last Days”...


[nota!: -- altra versione del titolo: "Last Days / Hands" che richiama il
detto proveniente probabilmente dagli Esseni "Last days are at hand" -- gli
ultimi giorni sono a portata-- nel senso profetico / apocalittico di-- "QUESTI
sono gli Ultimi Giorni"-- ndt]


... esprime una visione sociale connessa con le aspirazioni
utopiche che ella stessa esprime nelle interviste e nei suoi progetti di arte
ed educazione durante quel periodo
 [anni '70, ndt].


Le parole del testo “these Last Days/ of Total/
Dis-in-te-gration/ where every day/ Is a struggle/ against becoming/An object
in/ someone else’s/ nightmare
” vengono improvvisate e ripetute in registri
di voce diversi, attraverso varie estensioni ed intervalli.


In questi Ultimi Giorni


di Totale Di-sin-te-gra-zione,


dove tutti i giorni


è una lotta


contro il divenire


un oggetto


nell'incubo


di qualcun altro...


C'è un fuoco particolare sulla parola "struggle"
(lotta)
che viene prolungata e distorta fino a divenire, alla fine,
un grido. Questo convoglia un senso di urgenza
che colloca la poesia nella crisi che risuonò negli Stati Uniti durante gli
ultimi anni '60 ed i primi '70, lungo il solco delle scarse vittorie e dei reali
fallimenti delle mobilitazioni etniche del ventennio allora trascorso

[gli anni '50 e '60,-- ndt]; l'abbraccio prima
ed il rifiuto poi di varie forme d'identità politica; la reazione repressiva
contro tali movimenti; la guerra del Vietnam, fonte di violenze e divisioni;
e le crisi economiche degli anni '70.


Di sicuro era un momento in cui, per molti, i
sogni collettivi ed utopici si erano trasformati in incubi ad occhi aperti
;
in cui gli esseri umani lottavano contro la loro "oggettificazione" entro vari
apparati repressivi ed alla luce dei limiti insiti nell'identificazione con
i movimenti d'opposizione.


Eppure, J. Lee mantiene un senso d'ottimismo,
che esce evidente dagli ultimi versi:


“There is great joy/ in being/ Naima’s Mother/
and unassailable strength in being on the Way.”


C'è grande gioia


nell'essere la madre di Naima


e una forza incontenibile


nell'essere sulla Via.


"La Via" può leggersi come il suo impegno come musicista
militante per il cambiamento sociale.
[Ma non solo; -- ndt]


J. Lee, durante gli anni '70 si concentrava sulla
creatività e l'immaginazione
come strumenti di lotta sociale; e in più d'una
occasione sottolineava come incoraggiando pensieri ed attività creative si sarebbe
fornito un antidoto all'alienazione degli esseri umani, così come configurata
nelle società capitaliste post-industriali. Dava molta enfasi all'importanza
dei rituali che avrebbero permesso alla gente "di restare viva"

["stay alive"-- non "survive", sopravvivere -- ndt]
e "riscoprire gli spazi in cui siamo umani"


(Terlizzi Roberto, Francesco Martinelli, Stefano Archangeli.
“Jeanne Lee and Gunter Hampel.” Coda 1 Feb. 1979: 6-9)


* * * * * * * * * (fine estratto)


[nota: --guarda caso! Questi miei 3 amici di Pisa svolgevano all'epoca un
importante lavoro di "giornalisti di frontiera" nel campo della musica improvvisata.....
"Coda" è una rivista specializzata canadese -- ndt]


Si parla anche qui di Rituali, dunque.


Ricordate Antero Alli e "Scapegoat the Media"? qui 
e qui 
ma anche qui 
 


Per ascoltare "In These Last Days” ....... e molto altro.... dalla mia
Streaming Radio, "PoPFreeRadio".....
("Intender non la può chi non la prova"!) c'è una Playlist 4
con abbondanti materiali... almeno 4 album di Jeanne Lee.... clicca sul link
qui sopra per vedere le Playlist ed ascoltare la radio.


A proposito del Potere di questa Musica -- in particolare
quella definita "free jazz" o come si dice in Europa "musica improvvisata" --
ne riparliamo.


Grazie dell Vs. Dedicata/Delicata Attenzione


Comments so far?


 


domenica 6 luglio 2008

Uso sovversivo del Simbolismo sacro nei media

Conferenza di Michael Tsarion, studioso molto autorevole esperto di psicologia, simbolismo, religioni comparate, tarocchi, significati nascosti, societa' segrete sul modo in cui i media e la pubblicita' vengono usati per manipolare la gente e allontanarci dalle noster risorse vitali e spirituali.

Scoprire i significati nascosti di pacchetti di sigarette, pubblicita' di moda, motori, scoprire come il sesso e i simboli spirituali siano usati e degradati per manipolare la coscienza umana... di come la persuasione da parte delle grandi corporazioni abbia radici antiche e profonde. In questo video Tsarion spiega come e' possibile difenderci e imparare a usare e diffondere gli stessi simboli per scopi positivi.


la democrazia e'semplicemente il nome che si da alla schiavitu' nel XX secolo!

Questa è solo la 1 di 11 parti.
Traduzione in italiano by Blackmud23 in progress.
Stay tuned @:
http://www.youtube.com/user/blackmud23


martedì 17 giugno 2008

Ooooooohhhhh......

Dedicato a Alex Zobel



Etta James - Sugar on the Floor


Non perderti nel passato, non rincorrere il futuro;
il passato non c'è più e il futuro non è ancora arrivato.
Osservando profondamente la vita così com'è,
in questo stesso momento, dimora nella stabilità e nella libertà.
Devi stare attento oggi: attendere fino a domani è troppo tardi.
La morte giunge inattesa, com'è possibile patteggiare con lei?


(Bhaddekaratta Sutta)

sabato 14 giugno 2008

Papaloko

Il mio preferito di questa quasi scorsa Primavera:



http://www.axialvirtual.com/indexeng.html